Diego Orlando

Diego Orlando è Senior Photoeditor di BURNmagazine per il quale occupa della selezione dei lavori da pubblicare, della direzione artistica di @BurnDiary e @BurnMagazine, del coordinamento dei progetti speciali – l’Emerging Photographer Grant, esposizioni – ed editoriali.

Da freelance si occupa di mostre, di progetti che coinvolgono la fotografia come linguaggio su piani sperimentali e sporadicamente di Residenze d’Artista, la più recente delle quali è stata InsideSouth, in Basilicata per Matera 2019.

Cura spesso la pubblicazione di libri, seguendo produzione, direzione artistica, editing. Tra i vari: Romanias (ph:Magnum/design : Pentragram), Tell It Like it Is e (based on a true story) di David Alan Harvey, Mono No Aware di Anton Kusters, InstrumentHead di Michael Weintrob, Mesquite di Mike Loyd Young, The call us Dreamers but we are the Ones who don’t Sleep di Lou Lou D’Aki, Kilombo di Maria Daniel Balcazar, oltre ai cataloghi delle mostre Sirmione di Paolo Pellegrin, Donne Di Picasso di Cristina Vatielli, Synchrona di Simona Ghizzoni. In passato ha a lungo collaborato con il Toscana Photographic Workshop.

Il ruolo di photo-editor, ancor più quello legato a BURNmagazine, comporta una presenza costante a festival italiani e internazionali per letture portfolio, incontri e seminari, oltre a workshops in varie parti del mondo. Recentemente ha tenuto un corso alla John Kaverdash Academy e uno si sta svolgendo in questi mesi presso Officine Fotografiche Milano.

In precedenza ha studiato Scienze Forestali ed Ambientali, rimanendo da allora legato a progetti su quotidianità, decrescita e terzo paesaggio. Vive nella campagna tra Venezia e Treviso. 

Categorie: Uncategorized

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *